Recentemente un nuovo termine ha fatto la sua comparsa negli articoli professionali dedicati al mondo del gioco online e dei casinò ed è quello di “gamification”, che potrebbe essere tradotto in italiano con “ludicizzazione”. Il concetto, che ha meno di una decina di anni, si riferisce al trasferimento o all’utilizzo di caratteristiche, funzionalità ed elementi tipici dei giochi e del game-design, in contesti e settori differenti.

Il principio base della gamification è quello di introdurre un fattore di piacere e divertimento in operazioni quotidiane che invece si caratterizzato per essere ripetitive, spiacevoli o noiose. Stando a questa definizione si potrebbe pensare che il settore dei casinò online non abbia nulla da attingere a questo concetto, poiché il gioco online già di per sé si caratterizza per la sua alta capacità di intrattenimento offerto agli utenti, ma non è così. Grazie all’utilizzo dei concetti base della gamification, i siti di gioco a distanza hanno trovato una nuova direzione verso cui svilupparsi per poter offrire opzioni di gioco e divertimento che siano sempre più vicine alle esigenze dei giocatori di oggi.

Quando un giocatore decide di aprire un conto gioco su LeoVegas, uno dei più moderni e dinamici siti di gioco legale in Italia, non si trova semplicemente all’interno di una piattaforma di gioco, ma piuttosto in un ambiente che, attraverso una serie di opzioni ed opportunità, consente all’utente di immergersi completamente in un’esperienza di divertimento fatta di alto coinvolgimento, generosi rewards, sfide con altri giocatori, livelli e regali.

La gamification, infatti, riconosce alcune forze fondamentali che determinano l’agire umano come ad esempio il desiderio di successo, il piacere che deriva dalla competizione e la ricerca di ricompensa e li traduce in elementi concreti che possono essere utilizzati per strutturare l’offerta ed i servizi che si trovano in un casinò online.

Negli ultimi anni infatti, l’offerta dei siti di gioco a distanza si è arricchita notevolmente di opzioni quali:

Tornei e classifiche: il gioco nei casinò online è spesso stato tacciato di essere un intrattenimento solitario, privo di qualsiasi tipo di interazione sociale o contatto con gli altri giocatori. La creazione di tornei e classifiche slot o di altri giochi, ha permesso di superare questo “difetto” introducendo un elemento di sfida tra gli utenti che prima era assente.

Raccolte punti: in passato i casinò hanno puntato molto sulla creazione di VIP club, che avevano lo scopo di dare maggior riconoscimento e valore ai giocatori più importanti. I VIP club erano però ovviamente circoli ristretti, il cui accesso risultava limitato ad una piccola élite di scommettitori. Ora invece si parla molto di programmi che consentono a tutte le tipologie di utenti di avere accesso a premi o bonus casino. In questo modo gli operatori hanno allargato la base di giocatori che hanno accesso a reward speciali e ne hanno incrementato il coinvolgimento.

Missioni speciali: nell’esperienza di gioco nel casinò sono state inserite missioni speciali che consentono ai giocatori di impegnarsi nel raggiungimento di un obiettivo, allo scopo di sbloccare vantaggi e premi e poi passare ad un livello superiore. Le missioni, task che hanno caratterizzato la storia e l’evoluzione dei videogames, hanno lo scopo di trasformare il singolo atto di gioco in una vera e propria avventura, con una sua progressione, e aumentano la partecipazione dei giocatori.

Casinò con Avatar: numerosi siti di gioco di ultima generazione consentono all’utente di scegliersi un avatar che li caratterizzerà durante tutta la loro esperienza di gioco, offrendo un ambiente personalizzato e unico per ogni cliente.

Questi sono solo alcuni elementi di gamification che hanno arricchito e modificato l’offerta dei casinò online, sicuramente vedremo altre innovazioni nel prossimo futuro, magari molto centrate sull’aspetto social oppure sulle qualità grafiche dei giochi.

Giovanni John Improta
Vi siete mai chiesti come nasce un sito di videogiochi come GameBack? Semplice, una mattina mi sono svegliato e mi sono chiesto: ma io cosa so fare? Mah, l'unica cosa in cui sono bravo sono i videogiochi, sai a quanto potrà servirmi.... Beh, il resto è storia come si suol dire. Ringraziatemi o insultatemi su Facebook, Twitter, o Ludomedia