Guida completa a Total War: Warhammer, parte 14

— Clicca qui per leggere le altre pagine della guida —

 

“… Quando squillante risuonerà la buccina,
monterò a cavallo e combatterò nel nome del mio sire e della Dama,
finché avrò respiro le lande a me affidate
non verranno toccate dal male.
L’onore è tutto. La cavalleria è tutto…”

Voto del Cavaliere di Bretonnia

 

Bretonnia

 

Bretonnia è una fazione di umani fortemente ispirata all’universo arturiano medioevale del ciclo bretone. Seconda solo all’impero, è una delle più sviluppate civiltà umane per potenza e prosperità.
Gli eserciti bretonniani dispongono della migliore cavalleria del gioco, a scapito di una fanteria molto poco efficace e costituita da alcune delle unità meno utili. Questo rende le loro strategie improntate ad un uso veloce di unità costose per sbaragliare i nemici prima che essi possano realizzare appieno le loro manovre.

Strategia nella Campagna

Regole speciali Campagna:

  • Condotta cavalleresca:
    Per i cavalieri di Bretonnia il codice cavalleresco è tutto. La fazione dispone di un punteggio particolare ed unico, basato su progressi militari, tratti dei personaggi e azioni compiute. Ogni vittoria militare alzerà tale punteggio, mentre azioni negative come fare incursioni, saccheggiare e chiedere il riscatto dei prigionieri di guerra comporterà delle penalità. In base a questo punteggio verranno attribuiti dei bonus o dei malus per le truppe.
    Per concludere la campagna sarà necessario raggiungere un alto livello di condotta, che permetterà ai cavalieri di partecipare alla Guerra dell’Erranza: a scelta, una spedizione a nord contro un massiccio esercito del Caos o a sud contro una temibilissima orda di Pelleverde.

 

 

  • Economia agricola:
    Mentre le unità più pregevoli di cavalieri sono signori feudali, le unità di fanteria sono composte da popolani, che se reclutati non potranno lavorare nei campi dei loro signori. Ogni regione controllata aumenterà di 2 le unità di popolani reclutabili simultaneamente, mentre la sola capitale consente di averne 8. Qualora si eccedesse il limite reclutando orde di contadini, l’economia di alcuni edifici ne risentirebbe abbassando drasticamente le entrate. Se il limite viene rispettato, invece, il mantenimento di tali unità sarà meno oneroso del 10%.
  • Voti cavallereschi:
    Ogni lord bretonniano dispone di un ramo di abilità relativo ai tre voti cavallereschi del regno. Ciascuno di questi, se sbloccato, permette al lord di mantenere alcune classi di unità di cavalieri senza incorrere in salate penalità per il loro mantenimento.
  • Regole speciali di fazione:
    Assenza di Corruzione
    Reclutare più eserciti non comporta un aumento percentuale del costo di mantenimento, come invece accade con la corruzione dell’Impero o la dispersione della magia dei Conti Vampiro.
    Bretonnia Unita
    Unire altre fazioni alla vostra non comporta una penalità all’ordine pubblico, bensì un bonus. È possibile anche unire più fazioni in successione senza aspettare alcuni turni.
    Incastellamento
    Potenziare il centro di un insediamento al livello 3 aggiunge le mura a quella città senza bisogno di costruire una guarnigione. Quest’ultima incrementa solo quantità e qualità delle truppe di stanza in quell’insediamento.

Regole speciali Unità:

  • Benedizione della Dama:
    In seguito a una serie di vittorie, un esercito può ottenere una benedizione della loro divinità, la Dama del lago. Questa ha come effetto una resistenza dai danni fisici del 20%, capace di rafforzare anche eserciti poco costosi.
    Qualora l’esercito scegliesse di ritirarsi da un qualunque scontro in un pannello pre-battaglia, la benedizione data a quell’esercito verrebbe immediatamente revocata.
  • Santi Viventi:
    Alcune delle unità di Bretonnia sono composte da cavalieri incredibilmente pii che hanno bevuto personalmente dal Santo Graal. Tali unità godono di un’immunità totale dall’affaticamento, indipendentemente da quanto esse si siano spese nella battaglia, dell’immunità alla psicologia e della benedizione della Dama (di serie e irrevocabile).

Modalità Eserciti:

  • In marcia
  • Imboscata
  • Assalto
  • In accampamento

Modalità Reclutamento:

  • Locale
  • Globale (quando in un Insediamento o in Modalità Accampamento)

Modalità conquista Insediamenti:

  • Occupa (solo regioni abitabili da Umani o Conti Vampiro)
  • Razzia (Comporta malus in condotta cavalleresca)
  • Radi al suolo (Se si rade al suolo un insediamento non Umano, comporta un bonus in condotta cavalleresca)

 

Inizio

Appena iniziata la campagna, Bretonnia si trova in guerra con la fazione degli Skealing, confinante con altre fazioni bretonniane a sud, Marienburg a est, e una tribù Pelleverde a sud-est. Continuare la guerra contro gli Skaeling non porterà molti vantaggi, specie perché i primi turni li dedicherete a non far crollare l’ordine pubblico e a consolidare i vostri possedimenti. Guardate di buon occhio la conquista di Marienburg: questo vi porterà ad acquisire una città ricca e sbloccherà il commercio con l’impero.
A causa del limite di reclutamento dei popolani, entrare in guerra con altre fazioni bretonniane può non essere la soluzione migliore: tramite le tecnologie otterrete ingenti bonus diplomatici e la possibilità di farle unire a voi, quindi un conflitto non è necessario. Conviene maggiormente coalizzarsi contro la fazione di non morti dell’ex ducato di Mousillon, a sud-ovest.
Gli elfi silvani di Athel-Lorien potrebbero dichiararvi guerra quando arriverete alle porte della loro foresta. Non sono una reale minaccia, in quanto il più delle volte si limiteranno a una dichiarazione formale, senza mai spedire più di qualche agente contro di voi. Inoltre, iniziare una campagna militare all’interno del loro territorio potrebbe concludersi in un bagno di sangue, e nel migliore dei casi avrete perso un alleato valente contro il caos.

Tempesta del Caos

Per l’arrivo dei guerrieri del caos dovreste essere riusciti a consolidare tutta la penisola bretone, e avrete l’Estalia al vostro confine meridionale.
Da nord potrebbero sbarcare diversi eserciti di norsmanni, quindi tenere un lord vicino alla capitale potrebbe rivelarsi saggio. Da sud potrete negoziare la pace con le fazioni con cui eventualmente non foste in buoni rapporti, e l’unico problema potrebbe essere qualche branco berciante che ogni tanto si manifesta all’altezza di Carcassone, razziando quella provincia prima di addentrarsi dentro Athel-Loren.
Quando l’Impero dovesse cedere sotto i colpi delle armate del Caos, queste potrebbero penetrare nei vostri territori attraverso i valichi tra i monti grigi a est. Se avete a disposizione unità di fascia alta cercate di neutralizzare un esercito alla volta prima che arrivino a demolire le vostre città di confine.

Affrontare i Guerrieri del Caos potrebbe essere utile in quanto vi dichiarano guerra, ma la sconfitta di Archaon non è una condizione di vittoria di Bretonnia.

Età della Pace

Affrontato con successo il Caos, potrete scegliere di espandervi lungo il continente colonizzando le rovine lasciate dalla guerra, o scegliere di conquistare con la forza i regni meridionali. Questo potrebbe dipendere dalla scelta che avrete fatto in merito alla Guerra dell’Erranza. Non avrete nemici naturali, e potrete dedicarvi più o meno in pace al potenziamento dei vostri edifici militari per raggruppare un esercito sufficientemente potente da vincere la battaglia finale contro il male.

Tattiche di Battaglia

Punti di forza:

  • Migliore cavalleria, specializzata in ogni funzione
  • Unità di fanteria economiche
  • Ottime opzioni di cavalleria volante
  • Buoni saperi della magia

Punti deboli:

  • Nessuna unità di fanteria pesantemente corazzata
  • Svantaggiata nell’attacco di insediamenti con mura
  • Poche unità di tiro, nessuna di tiro pesante

Utilizzare Bretonnia

Potendo contare su tutti i tipi di cavalleria, Bretonnia ha la possibilità di dettare le regole di ingaggio a proprio piacimento. Mentre la linea principale dell’esercito può essere costituita da popolani facilmente sacrificabili (siano essi armigeri o scudieri), la cavalleria da assalto può con facilità prendere alle spalle il nemico e spezzare la sua disciplina, prima che i popolani si diano alla fuga, corrodendo dai fianchi le unità nemiche e causando anche gravi danni. Avendo in aggiunta a disposizione diverse unità volanti, riesce in parte ad ovviare alla debolezza che la cavalleria ha nei confronti del tiro: esse possono con facilità oltrepassare la linea di fanteria nemica e caricare con forza le unità da tiro e la lenta artiglieria, neutralizzandole prima che abbiano tempo di fare fuoco.
Per eserciti che non fanno uso dei cavalieri di più alto livello, invece, un fronte compatto di scudieri, con alabardieri ai fianchi, può fungere da diversivo alle unità di arcieri e di valvassini a cavallo, per indebolire il più possibile le truppe nemiche prima di arrivare ad uno scontro corpo a corpo, supportato comunque da cavalleria di assalto di fascia media nelle retrovie nemiche.

 

Affrontare Bretonnia

Bretonnia avrà quasi certamente il vantaggio della cavalleria, per questo potrebbe provare fin da subito ad accerchiarvi. È molto importante non far arrivare le loro truppe in posizione vantaggiosa. A questo fine è utile disporre ai fianchi e potendo anche su retro delle unità anti-cavalleria come alabardieri o altra cavalleria, e supportarle con tutto il fuoco di cui si dispone per neutralizzare subito la grande mobilità di cui il nemico dispone. Avere dei reparti di artiglieria potrebbe garantirvi la supremazia nello scontro tra le due linee principali, creando così una rottura da cui da sola la cavalleria nemica non potrà riprendersi.

Un accenno particolare va fatto per le battaglie d’assedio: qualora Bretonnia vi dichiari guerra, uno dei modi migliori per contrastarla è lasciare che vi attacchi in un insediamento fortificato. Le unità di cavalleria verranno incredibilmente limitate, rimanendo quasi escluse dallo scontro, e potreste riuscire ad avere la meglio contro un notevole contingente nemico con facilità, prima di passare al contrattacco.

 

Unità Migliori

  • Arcieri popolani

Economici e reclutabili in un turno anche dal reclutamento globale, questi arcieri sono l’unica opzione di tiro di fanteria di Bretonnia. Pur non avendo alcuna caratteristica eccezionale, sono disponibili senza eccessive difficoltà anche con frecce di fuoco (ideali per contrastare i non morti o gli Elfi) e con frecce avvelenate (consigliate contro nemici corazzati).

 

 

  • Cavalieri su pegasi reali

Forse la migliore delle cavallerie volanti, composta da Santi Viventi equipaggiati con uno scudo leggero, una buona armatura e attacchi magici. Gode inoltre di un bonus contro le unità grandi.

  • Cavalieri del Graal

La migliore cavalleria d’assalto non volante della fazione. Santi viventi anche loro, con il più alto bonus di carica del gioco, attacchi magici e bonus contro grandi. Dispongono inoltre dell’abilità formazione, che conferisce ulteriori bonus per la carica a scapito di una minore difesa e velocità, per una carica davvero travolgente contro ogni formazione nemica.

  • Guardiani del Graal

Unità che potremmo definire tranquillamente come “cavalleria corpo a corpo”. Un’armatura di 120 con aggiunta di uno scudo e di una difesa corpo a corpo veramente alta li rende capaci di affrontare senza perdite repentine quasi ogni tipo di fanteria. Come se questo non fosse abbastanza, è da notare che sono anche loro Santi Viventi, quindi non si stancheranno mai di fare strage di nemici e hanno di serie un’ulteriore riduzione del 20% dei danni fisici.

  • Cavalieri degli ippogrifi reali

La cavalleria volante con il più alto valore di forza dell’arma, inoltre penetrante. Ha purtroppo poca armatura ed è sprovvista di scudo, quindi presta il fianco al tiro concentrato nemico. Se usata a dovere il suo volume e il suo causare paura e terrore può essere usato per spezzare la formazione nemica in punti strategici e avvicinare la battaglia ad una conclusione vittoriosa.

  • Il Cavaliere Verde

Una menzione d’onore per questo eroe disponibile solo per Bretonnia e solo per un numero limitato di “evocazioni”. Ogni volta che la condotta cavalleresca raggiunge un dato punteggio si ottiene di poter convocare questa figura mitologica in proprio aiuto. Esso è utilizzabile come un qualunque eroe e può prendere parte ai combattimenti, ma si congederà dopo alcuni turni.

Essendo etereo, in combattimento gode di una protezione dai danni fisici del 60%, a cui va aggiunta la Benedizione della Dama che va a conferirgli un altro 20%. A differenza di altri “spettri” ha un’armatura leggera di 25 punti e uno scudo, che contribuiscono a renderlo veramente durevole nel corpo a corpo contro unità non dotate di attacchi magici. Inoltre è irriducibile e incoraggia le unità vicine.

 

Alberto Iunco
Mi chiamo Alberto, e sono nato nel 1996 a Torino. Fin da quando ero piccolo ho sempre trovato stimabile l'apporto che i giochi e i videogiochi danno alla crescita delle persone, sostenendo il loro grande potere educativo. Nel tempo libero videogioco su PC, e scrivo guide dei titoli che più mi appassionano.